Off White Blog
Gli esperti affermano che i ristoranti di alto livello probabilmente clienti Google per un'esperienza culinaria personalizzata

Gli esperti affermano che i ristoranti di alto livello probabilmente clienti Google per un'esperienza culinaria personalizzata

Potrebbe 15, 2024

Steve Plotnicki di Opinioned About Dining © OAD

Questo è il vero segno distintivo di un ristorante di alto livello oggi, afferma Steve Plotnicki, un ex dirigente della musica diventato food blogger la cui classifica di ristoranti Opinionated About Dining (OAD) sollecita il contributo dell'élite culinaria in tutto il mondo.

Poiché i migliori ristoranti comprendono che non è più sufficiente servire un pasto impeccabilmente preparato, ha dichiarato in un'intervista in vista della presentazione dei migliori 100 ristoranti europei 2017 dell'OAD a Parigi questa settimana.


I commensali di oggi che guidano il mondo sono più esperti e più sofisticati che mai, mentre i ristoranti e le performance teatrali non sono più sorprendenti o nuovi. Per la verità, i ristoranti più attenti stanno facendo i compiti e stanno creando un'esperienza culinaria personalizzata per gli ospiti.

"Se dai uno sguardo ai 50 migliori ristoranti di OAD e ai 50 migliori del mondo, scommetto che stanno già cercando su Google tutti i loro clienti", ha affermato.

Per il cliente, ciò significa un'esperienza più personalizzata in cui lo chef o il server può essere in grado di consigliare un piatto di maiale se il commensale ha espresso l'amore per tutte le cose suine online o scambiare convenevoli sulla città natale dell'ospite.


Per illustrare il suo punto, Plotnicki fa riferimento a un pasto in cui 46 membri dell'OAD sono stati invitati a cenare al Noma di Copenaghen l'anno scorso prima che chiudesse. Noma deve gran parte della sua fama ad aver superato la lista dei 50 migliori ristoranti del mondo quattro volte.

Pochi giorni prima, lo chef Rene Redzepi, un nome di celebrità nel mondo della gastronomia contemporanea, aveva inviato un'email a Plotnicki chiedendo brevi bios su ogni singolo ospite.

"Voleva parlare con loro al tavolo quando li ha visitati, dimostrando di avere qualche conoscenza su di loro", ha spiegato Plotnicki.


"Per me, questo segna un cambiamento nel modo in cui operano i ristoranti."

Plotnicki è un'enciclopedia ambulante di cibo che può rimare dai pasti che ha mangiato insieme all'anno, proprio come una discografia culinaria.

Per illustrare le sue analogie, usa spesso riferimenti musicali, una reliquia dei suoi giorni come dirigente musicale la cui pretesa di fama sta scoprendo Run-DMC.

Durante una discussione sull'influenza dello chef francese Alain Passard - il cui ristorante parigino Arpege è stato in cima alla lista dei migliori ristoranti europei di OAD quest'anno, per la seconda volta - Plotnicki attribuisce allo chef l'influenza su generazioni di alcuni dei migliori chef di oggi, tra cui Ferran Adria.

È come ascoltare il rock'n'roll, dice. “Sento così tanti esempi di musica che provengono direttamente dai Beatles. E nei Beatles, senti Beethoven. "

Usa anche la musica per illustrare un ritratto meno lusinghiero della gastronomia in Francia oggi, dove gli chef non si sono evoluti dal suonare la stessa melodia classica - la cucina francese classica - suonano da anni.

“La Francia è molto isolata dal resto del mondo. La maggior parte dei cuochi francesi cucina in stile classico. Potrebbe essere molto buono Ma non è molto influente. Sono abbastanza provinciali in quel modo ", dice.

Per aggiungere alla sua analogia con la musica classica, aggiunge: "È come essere in Giamaica e ascoltare solo musica reggae".

Ciononostante, Plotnicki parla con affetto del patrimonio gastronomico francese, che attribuisce per aver prima aperto gli occhi al potere del buon cibo.

Quando gli viene chiesto di condividere la sua epifania alimentare più memorabile, risale all'anno 1982 - uno dei numerosi momenti archiviati nella sua personale discografia culinaria - e parla in modo euforico di un caviale d'uovo che aveva in un ristorante Joel Robuchon; una zuppa di aragosta "che deve aver avuto un intero pezzo di burro fluttuante lì dentro" e bistecca alla Bofinger, dove ha imparato il modo corretto di mangiare la bistecca (tremendamente rara).

“Quel viaggio ha cambiato il modo in cui mi sono avvicinato al cibo. Il cibo non era più solo una necessità. Il cibo era piacevole ", ha detto.

“Improvvisamente mangiare bene era qualcosa che potevi fare per ogni pasto. Andava oltre il mangiare per necessità e si trasformava in cibo per piacere. È stato un grande momento di conversione. "

Ma dopo decenni di suonare la stessa melodia, la reputazione della Francia come tempio dell'alta gastronomia è stata eclissata da paesi e chef più audaci e rischia di diventare irrilevante.

“Oggi l'influenza è il componente più importante per uno chef. Non lo era mai stato. In passato il miglior chef era lo chef che produceva il miglior pollo arrosto. Ma la maggior parte dei commensali è alla ricerca di qualcosa di più. Vogliono qualcosa di unico. "

Articoli Correlati