Off White Blog
23 storie X Condé Nast, Gucci Crea serie cinematografica

23 storie X Condé Nast, Gucci Crea serie cinematografica

Potrebbe 3, 2024

23 Stories, un'unità pubblicitaria pluripremiata di Condé Nast ha stretto una partnership con Gucci per una serie di film originali con la collezione Pre-Fall 2016 dell'etichetta italiana.

10361_COND_GUCC_AB_Shot_04_8480_V3_RGB

La serie di quattro episodi è il primo programma a marchio nel suo genere per le due aziende affermate. Sotto l'occhio critico dell'acclamato regista Gia Coppola, l'interpretazione moderna della classica storia d'amore greca "La leggenda di Orfeo ed Euridice" racconta la tragedia greca, ambientata nella moderna New York. La personalità francese Lou Doillon (che è anche la figlia di Jane Birkin) è disegnata nel design affascinante ed elaborato del direttore creativo Alessandro Michele, tra cui un drammatico velo da sposa personalizzato di 10 piedi. Supportato con musica originale per gentile concessione di Devonte Hynes, il film d'atmosfera è di 10 minuti di puro piacere cinematografico e incapsula perfettamente il romanticismo e l'eccentricità degli anni Settanta.


10361_COND_GUCC_AB_Shot_05_7926_V3_RGB

Marco Bizzarri, Presidente e CEO di Gucci, ha commentato: “Attraverso l'autorità e la portata dei sei marchi Conde Nast che fanno parte di questa iniziativa pionieristica, siamo in grado di sfruttare i contenuti altamente originali e qualitativi per interagire con un pubblico ampio ma mirato attraverso aree geografiche e piattaforme in modo autentico ". Bizzarri ha proseguito: “La narrativa digitale - attraverso film, social media o giornalismo nativo - è il modo in cui ai Millennial piace essere coinvolti oggi. Di conseguenza, questo tipo di approccio innovativo al marketing digitale svolgerà sicuramente una parte sempre più importante della nostra strategia per il futuro ".

La serie completa sarà disponibile esclusivamente su Vogue, Vanity Fair, GQ, New Yorker, W Magazine, Pitchfork e Gucci e sarà commercializzata a livello globale attraverso i principali marchi digitali Condé Nast.

Articoli Correlati